Viaggiare in Sicurezza - Arriva Italia - Aosta
Attenzione
Alcune delle funzionalità potrebbero non funzionare correttamente su Internet Explorer. Si consiglia di cambiare browser affinché l'applicazione funzioni correttamente

Viaggiare in Sicurezza

In questa pagina troverai tutti i dettagli per viaggiare in sicurezza con i servizi Arriva Italia

EMERGENZA COVID 19

Non utilizzare il servizio in caso di sintomi influenzali e/o temperatura corporea pari o superiore a 37,5°C.

Per accedere a bordo è obbligatorio essere in possesso del Green Pass Rafforzato e indossare una mascherina FFP2 o altro dispositivo di protezione individuale di livello superiore.

Mantieni la distanza di sicurezza dagli altri utenti, sia in attesa alla fermata, sia durante le operazioni di salita/discesa. Ove ciò non sia possibile indossa una mascherina FFP2 o un dispositivo di protezione individuale di livello superiore.

Utilizza le porte di accesso ai mezzi indicate per la salita e la discesa, rispettando, ove possibile, la distanza di sicurezza. Lascia scendere chi è a bordo prima di salire.

In caso di richiesta di informazioni al conducente mantieni la distanza di sicurezza.

A causa dell’emergenza sanitaria l’autobus dispone di un numero ridotto di posti.

Disposizioni Ministeriali

Trasporto Pubblico

Aggiornamento del 10/01/2022

Rimani aggiornato con le ultime disposizioni nazionali per l’utilizzo dei servizi di trasporto pubblico e l’attuale normativa.

Si ricorda che il mancato rispetto degli obblighi di legge potrà essere sanzionato dalle autorità competenti.

Confidiamo nella collaborazione di tutti.

Scopri tutte le Informazioni

30 DICEMBRE 2021

Ai sensi del D.L. n.229 del 30 dicembre 2021, a partire dal 10 gennaio 2022 per accedere a tutti i servizi di trasporto operati da Arriva Italia è obbligatorio essere in possesso di Green Pass Rafforzato.

24 DICEMBRE 2021

Ai sensi del D.L. n.221 del 24 dicembre 2021, a partire dal 25 dicembre 2021 per accedere a tutti i servizi di trasporto operati da Arriva Italia, oltre ad essere in possesso di Green Pass Base, è obbligatorio indossare una mascherina FFP2 o un dispositivo filtrante di categoria superiore.

Domande più frequenti

Estratto FAQ Ministero della Salute
Per la versione completa consultare il sito https://www.dgc.gov.it/web/faq.html#gpr

La differenza sta a indicare quali tipi di Certificazione verde COVID-19 sono validi per diversi utilizzi e periodi di tempo, che possono variare con l’evolversi della situazione epidemiologica.

  • Green pass base: si intende la Certificazione verde COVID-19 per vaccinazione, guarigione, test antigenico rapido o molecolare con risultato negativo.
  • Green pass rafforzato: si intende soltanto la Certificazione verde COVID-19 per vaccinazione o guarigione. Il green pass rafforzato non include, quindi, l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare.
  • Green pass booster: si intende la Certificazione verde COVID-19 rilasciata dopo la somministrazione della dose di richiamo, successiva al completamento del ciclo vaccinale primario (per il richiamo Circolare del Ministero della salute 24 dicembre 2021: apre una nuova finestraCircolare del Ministero della Salute 6 dicembre 2021: apre una nuova finestra). Chi non ha ancora fatto la dose di richiamo potrà utilizzare il green pass da ciclo vaccinale primario completato o da guarigione, ma dovrà presentare contestualmente un documento, cartaceo o digitale, di un test antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle 48 ore precedenti, che attesti l’esito negativo al SARS-CoV-2.

Per tutti i tipi di green pass restano valide le esenzioni per i minori di 12 anni e per coloro che hanno un’idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021 – pdf: apre una nuova finestra.

Scopri chi ha diritto alle Esenzioni

DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221: apre una nuova finestra

DECRETO-LEGGE 26 novembre 2021, n. 172

Il green pass “rafforzato” è richiesto in zona bianca, in zona gialla e in zona arancione per accedere ad attività e servizi che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni sulla base della normativa vigente, e nel rispetto della disciplina della zona bianca.

Il Governo ha approvato, il 23 e il 29 dicembre, una serie di misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19, che ne estendono l’utilizzo:

  • dal 25 dicembre 2021 viene esteso l’uso del green pass rafforzato anche alla ristorazione al banco nei locali al chiuso, già richiesto per la consumazione al tavolo;
  • dal 10 gennaio viene esteso l’uso del green pass rafforzato per ulteriori attività e servizi e mezzi di trasporto, compreso quello pubblico locale e regionale.

Consulta la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass “base” e con green pass “rafforzato”. Vai a governo.it: apre una nuova finestra su governo.it

Scopri chi ha diritto alle Esenzioni

Riferimenti normativi

Per green pass rafforzato si intende la Certificazione verde COVID-19 attestante l’avvenuta vaccinazione anti-Sars-Cov-2 o la guarigione dall’infezione Covid-19, non è una nuova certificazione.

Pertanto, se ne sei già in possesso, basterà presentare agli addetti alle verifiche il green pass da vaccinazione o da guarigione in corso di validità.

Se hai fatto una dose di richiamo (booster) di vaccino, ricorda che verrà emessa una nuova Certificazione verde COVID-19 e riceverai via SMS o email un messaggio con un nuovo codice AUTHCODE per scaricarla. Se non dovessi riceverlo entro 48 ore dalla vaccinazione puoi provare a recuperarlo autonomamente su questo sito.

Controlla sempre la scadenza della tua Certificazione verde COVID-19 e assicurati che non sia scaduta o stia per scadere.

DECRETO-LEGGE 26 novembre 2021, n. 172

Non è richiesta la Certificazione verde COVID-19 alle seguenti categorie di persone:

In merito alle proroghe di validità delle certificazioni di esenzione, si precisa che non sarà necessario un nuovo rilascio delle certificazioni già emesse, salvo i casi in cui le stesse contengano dati del soggetto interessato, ulteriori rispetto a quelli indicati per la loro compilazione, a carattere sensibile (es. motivazione clinica dell’esenzione).